backprojects.html

SOLE E BALENO


Quest’ opera, si ispira ad una storia realmente accaduta, quella di Soledad detta Sole, una giovanissima ragazza argentina, e di Baleno, un giovane anarchico italiano. I due protagonisti si incontrano sulle isole Canarie e si uniscono in un amore assoluto, a seguito dell’incontro con la misteriosa figura di Maurizius. Maurizius, attraverso un cannocchiale magico, gli mostra il destino delle loro anime, quello di fondersi inscindibilmente, condividendo lo stesso ideale di volere combattere un mondo ingiusto. Una volta raggiunta insieme l’Italia, i due amanti entrano nel Movimento di cui condividono gli ideali, ma qualche tempo dopo vengono accusati e catturati per alcuni episodi di eco-terrorismo, e in seguito costretti a una dura reclusione preventiva. Dopo un lungo ed iniquo processo, Baleno viene condannato all’isolamento carcerario e Sole agli arresti domiciliari presso una comunità. Maurizius gli riappare come un fantasma penetrando nelle loro celle e, nuovamente, sempre con l’ausilio del cannocchiale magico, gli mostra come ricongiungersi. Baleno, dopo aver visto col cannocchiale magico Sole suicidarsi, disperando di ottenere giustizia e desiderando ricongiungersi a lei, si suicida impiccandosi nella cella del carcere, nello stesso momento Sole spinta dalla medesima visione  compie lo stesso gesto. Nell’epilogo, com’era stato anche nel prologo, si svolge un grande corteo per commemorare i due amanti-eroi che è anche un funereo presagio di eventi divenuti oggi attualità.

homehome.html

CONCEPT DRAMMATURGICO

L’idea è quella di sviluppare un “libretto” per opera di teatro musicale su una struttura drammaturgica a partire da una storia realmente accaduta in italia negli anni novanta la quale contiene tutti gli elementi per divenire una storia adatta alla forma operistica contenendo appunto al suo interno tutti quegli elementi che fanno di una storia un grande dramma.


La storia a cui si fa riferimento è quella di Sole e Baleno: due giovani uniti da un amore assoluto, dal loro idealismo e dal sogno di poter cambiare un mondo ingiusto in un mondo migliore. Dopo alcuni episodi di ecoterrorismo accaduti in Piemonte, i due giovani amanti attivisti vengono accusati di esserne i responsabili (ancora oggi non si sa se a ragione) e per questo verranno condannati alla reclusione preventiva. Lui piemontese un po’  più grande di lei, viene messo in isolamento carcerario, lei giovanissima, arrivata dall’argentina, viene messa agli arresti domiciliari.

La loro separazione aggiunta al senso di ingiustizia per quella accusa che li vede come capri espiatori per colpire un intero movimento, li getta in disperazione.

In breve i due diventano un simbolo per tutti i giovani del movimento a cui facevano riferimento ma non solo, diventano simbolo dell’ingiustizia di un potere sordo alle idee di una gioventù che cerca valori diversi. La loro storia finisce per molto tempo tra prime pagine dei giornali.

Ma su di loro si giocherà appunto uno scontro duro, infatti il loro diventare simbolo inasprisce il giudice che si occupa del caso il quale vuol dare dimostrazione di durezza e a lui si unisce un giornalista privo di scrupoli il quale monta una campagna diffamatoria contro i due e tutto il movimento.

Tutto questo è troppo per due ragazzi che sognavano solo un mondo più equo.

Baleno disperato si suicida nel carcere e Sole disperata lo seguirà pochi giorni dopo, non possono vivere uno senza l’altro.

Dopo la loro morte una grande manifestazione verrà organizzata a Torino per commemorare i due, ma i movimenti avranno subito un colpo letale da questo episodio.

Questa storia unisce elementi universali quali il rapporto amore morte e grandi temi come la tensione per una vita migliore. In  questa storia si concentrano grandi figure drammatiche come Giulietta e Romeo e Sacco e Vanzetti.


Contiene quindi tutti i tratti caratteristici del melodramma romantico: Amore, Morte, Autorità che li sovrasta, e il dramma sentimentale frutto di una forte tensione sociale, specchio di un momento storico.


Ovviamente non è mia intenzione vampirizzarla in modo indiscriminato ma trattarla  con tutto il rispetto che essa richiede e che le persone che l’hanno vissuta realmente meritano.

Nota: possiedo già un’ampia documentazione costituita da giornali dell’epoca non che contatti con persone che li hanno conosciuti direttamente e che hanno condiviso momenti di vita con loro.



CONCEPT MUSICALE

L’idea musicale è quella di utilizzare il canto in colori radicalmente diversi pur lavorando con voci di impostazione lirica.  Il mutare degli eventi, verrebbe così rappresentato attraverso la timbrica oltre che dalla agogica. Il cast principale vedrebbe 6 personaggi:


Sole- soprano leggero

Baleno- tenore

Il giudice- basso

Il giornalista- baritono

L’amica- contralto

L’amico- tenore


Principalmente, l’obbiettivo orchestrativo sarebbe quello di spingere il più possibile il senso più diretto dell’emozione musicale attraverso una struttura armonica di base barocca portandola in sequenze e regole strutturali. L’unione timbrica strumentale sosterrebbe principalmente il senso atavico del dramma attraverso la ricerca dell’essenza del bel canto. Con un utilizzo preciso di evoluzione musicale e drammaturgica soprattutto dei recitativi a voce e 2 pf o sinth

Su questa base vedo 4 possibilità



  1. 1)struttura tipica: con grande orchestra e coro, 2fl 1piccolo 2ob 1cni 2cl 2 fag 1cf 4 hr 3tr 3tbn 2tb 2 pforti timpani percussioni- 4sintetizzatori- archi, il coro sarebbe diviso in due per avere due forme separate, I manifestanti da una parte e le forza dell’ordine dall’altra



  1. 2)una struttura mista cameristica dove i personaggi principali diventano 4 e il giudice e il giornalista appaiaono solo tramite contributi video e una massiccia presenza di live elettronico: in questo caso vedrei un ensemble di 2 vni, vla, vc, cb, fl, cl, ob, fag, tr, cor, tr, tbn, sinth, pforte e l’utilizzo del live e del disegno del suono su suoni concreti manipolati verso una struttura melodica. Ad es. esempio l’apertura della manifestazione (coro) potrebbe essere realizzata con slogan reali che mutano in canto nella sovrapposizione tra ensemble e voci.



  1. 3)Una struttura a 2 cantanti violino, viola, vcello, pforte, fl, sinth e sampler.



  1. 4) Struttura monteverdiana a soli archi, i personaggi sono 6 ma l’ensemble è di soli archi che verrebbero manipolati dall’elettronica per gli effetti. Un effetto che porta a un pensiero musicale “iper barocco” sul quale far muovere la drammaturgia. In questo caso sarebbero 5vni I 5 vni II 4 vle 4 vcl 2 cbassi.

IL LIBRETTOlibretto.htmllibretto.htmlshapeimage_3_link_0